La parola digiuno che per molte persone assume una connotazione negativa o addirittura potrebbe essere associata ad  una sensazione di dolore o disagio causata dall’assenza protratta di cibo, è in realtà una condizione che  porta numerosi vantaggi e benefici.

Fare un’esperienza di digiuno  occasionalmente oppure con regolarità è davvero terapeutico; infatti già nell’antichità il digiuno veniva utilizzato come strumento per depurare il corpo e addirittura se protratto per diversi giorni allo scopo di guarirlo da diverse patologie.

 

Il digiuno è il primo principio della medicina.”  (Rumi)

 

 

 

I benefici del digiuno di 24 ore

Un digiuno come quello di cui parlo (assumendo solo acqua e di buona qualità), è di breve durata e quindi non si tratta di un vero e proprio digiuno; ci tengo a precisare questo perchè nell’arco di queste poche ore il corpo non riesce ad entrare totalmente nello stato di metabolismo chetogenico (processo in cui vengono bruciati i grassi in eccesso per ottenere in cambio energia).  Nello specifico, possiamo definirlo maggiormente come un processo di depurazione e di “riposo digestivo”.

 

Malgrado ciò, i benefici che si possono ottenere da questa pratica sono molteplici:

  • Riduzione dei lipidi nel sangue (riduzione dei trigliceridi e del colesterolo LDL)
  • Riduzione del grasso corporeo
  • Riduzione della pressione sanguigna
  • Riduzione dell’infiammazione cronica (CRP, IL-6, TNF, BDNF, e altro)
  • Riduzione dello stress ossidativo
  • Riduzione del rischio di contrarre il cancro
  • Incrementa il consumo di grassi in eccesso
  • Aiuta a prendere consapevolezza del cibo e del senso di sazietà
  • Maggior sensibilità insulinica e minori livelli di insulina
  • Miglioramento della funzione cardiovascolare
  • Incremento della memoria e delle funzioni cognitive
  • Dona forza a mente e spirito ed incrementa la volontà

 

 

Effetti collaterali del digiuno

Dal momento che stiamo parlando di un processo di pulizia interna al corpo molto efficace e profondo, il digiuno può presentare degli effetti collaterali indesiderati e fastidiosi, specialmente nel caso in cui supera le 24 ore e si è molto intossicati da sostanze tossiche (fumo, alcool, caffè, ecc.). In tal caso o comunque in generale si possono quindi avvertire i seguenti effetti indesiderati:

  • Un grado di malessere generale
  • Stanchezza e debolezza
  • Nervosismo
  • Mal di testa e capogiri
  • Voglia di mangiare
  • Preoccupazioni e pensieri negativi
  • Insonnia

In presenza dei sintomi sopracitati è bene non spaventarsi o essere preoccupati; bensì è davvero importante essere sempre consapevoli che si tratta di effetti del tutto normali e non pericolosi quando il corpo sta cercando di ripulire se stesso da scorie e tossine.

 

 

Quando è sconsigliato

Il digiuno non è un’esperienza consigliata a tutti. Questa pratica è totalmente sconsigliata in caso di gravidanza o allattamento, se si soffre di diabete o di altre patologie, si ci si trova in una condizione di sottopeso o comunque si ha una costituzione molto fragile. Nel caso in cui si pratichi il digiuno di solo 24 ore i rischi non poi così elevati (è necessario tuttavia bere acqua in abbondanza e di buona qualità) ma comunque è sempre bene chiedere il parere al proprio medico o ad un esperto prima di procedere e specialmente nel caso in cui si abbia intenzione di intraprendere un digiuno prolungato.

 

 

 

Come prepararsi al digiuno di 24 ore

Prima di iniziare un digiuno (anche se solo di 24 ore) è necessario preparare corpo e mente a questa condizione già nei giorni antecedenti seguendo alcuni preziosi consigli:

  • evitare di assumere carne, caffè e alcool
  • camminare o fare attività sportiva (almeno 30 minuti al giorno)
  • aumentare la dose giornaliera di frutta e verdura
  • evitare di esporsi al sole nelle ore più calde
  • immaginare con la mente la giornata di digiuno (bevendo solo acqua e sentendosi comunque sazi)

 

 

Alcuni consigli durante il digiuno

Durante il digiuno è bene non prendere impegni importanti e intraprendere attività faticose o che richiedono molta energia; in ogni caso è bene seguire alcuni consigli:

  • Rimanere in una condizione di rilassamento
  • Riposarsi il più possibile
  • Trascorrere la giornata del digiuno in un ambiente piacevole
  • Cercare il sostegno di una persona che comprenda la situazione oppure avere un compagno/a di digiuno
  • Dedicare alcune ore ad attività poco faticose come camminare o leggere

 

 

Considerazioni personali

Il 13 Settembre 2018 ho deciso di fare la mia prima esperienza di diugiuno di 24 ore a base di sola acqua; ovviamente prima di iniziare  mi sono documentato sull’argomento in maniera approfondita. Informarsi da fonti attendibili è fondamentale perchè un digiuno con sola acqua (anche se di sole 24 ore) non è mai da sottovalutare.

Come mi sono preparato? Nel mio caso personale ho iniziato già a partire dalle ore 16 a non introdurre più cibo (nemmeno frutta e succhi di frutta) e poi ho saltato la cena; questa condizione è fondamentale perchè nella notte durante il sonno viene effettuata una grande pulizia dello stomaco e del tratto intestinale. Tieni in consideraizone che è necessario bere molta acqua per evitare di disidratare il corpo ed inoltre perchè l’elemento fondamentale a livello cellulare per espellere tutte le tossine in eccesso. Durante la notte ho avuto parecchi risvegli e ho avvertito anche un lieve mal di testa, probabilmente dovuto in parte al processo di depurazione corporeo ma anche perchè era stata una giornata dal calore molto estivo e afoso.

Al mattino successivo risvegliato con un forte mal di testa e debolezza, ho saltato la colazione bevendo acqua in abbondanza (meglio se tiepida o temperatura ambiente). Durante la mattina ho continuato a bere molta acqua sia per depurare il corpo sia per dare senso di sazietà.

A pranzo a parte un po’ di mal di testa e debolezza non percepivo alcun senso di fame ma ho sentito la necessità di bere molta acqua. Devo dire che malgrado la debolezza ho camminato e sono stato all’aria aperta in mezzo alla natura, faceva molto caldo ma mi sono concesso la lettura di un buon libro. Nel primo pomeriggio ho iniziato a sentire di più la stanchezza e il mal di testa si intensificava ma sono rimasto sempre molto sereno e tranquillo, importante è che non arrivino sintomi tipo vomito o nausea perchè in quel caso significa che il corpo sta iniziando un processo di purificazione profonda.

Giunto alle ore 16 del giorno successivo il mio digiuno era terminato, non sentivo alcuna necessità di introdurre del cibo ma ho preferito cibarmi con della frutta (meglio se frullata).

Affinchè il corpo inizi davvero il processo di purificazione sono necessarie almeno 16 ore bevendo solo acqua e senza introdurre cibo. L’ideale sarebbe protarre il digiuno per almeno 48 ore ma se lo si fa per la prima volta, direi che 24 ore sono più che sufficienti.

Come mi sono sentito una volta terminato il digiuno? La mia condizione era di totale serenità e calma, non avvertivo nessuna necessità di mangiare e ho davvero preso consapevolezza del mio corpo e del senso di fame; siamo esseri davvero straordinari e in grado ci compiere cose che nemmeno sappiamo. Ora sono pronto a ripeterlo ancora periodicamente e il prossimo passo sarà quello di compiere un digiuno di 48 ore per portare ulteriori benefici al mio corpo e pulire l’organismo in maniera più approfondita.

 

 

“Alla base di una sana alimentazione ci deve essere questa decisione: scegliere un giorno e applicare la regola del digiuno. Una volta alla settimana, il giorno da voi scelto, non introdurrete cibo nell’organismo, che ne avrà così totale beneficio.” (Umberto Veronesi)

 

 

 

Come ripartire dopo il digiuno

Una volta terminato il digiuno e prima di ricominciare ad introdurre cibo, è necessario abituare lo stomaco, il colon e tutti gli organi adibiti al processo assimilativo e digestivo di riprendere la normale attività dopo 24 ore di stop. Il consiglio è di iniziare ad introdurre cibi liquidi (tipo minestra, passato di verdure, centrifugati o succhi di frutta), evitare di introdurre cibo solido e di derivazione animale, latticini, nervini (caffè e té), dolci e zuccheri.

Anche nel giorno successivo al digiuno è meglio utilizzare cibi non troppo solidi e di derivazione animale, al limite si possono mangiare le uova.

A partire dal secondo giorno dopo il digiuno si può iniziare a mangiare qualcosa di più solido (tipo pasta, formaggi, verdure intere, ecc.) ma sempre meglio evitare dolci, nervini e sostanze di origine animale. Dal terzo giorno in poi è possibile ricominciare gradualmente un’alimentazione regolare ma mi sento di consigliare l’assunzione moderata di zuccheri, caffè e dolci perchè altrimenti il digiuno appena fatto non avrebbe alcun senso.

 

 

Libri e prodotti consigliati:

 

Il Digiuno Felice
Il segreto per essere più belli e più sani

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere


 

La Terapia del Digiuno

 

Il Manuale del Digiuno
Una pausa di riposo per il corpo, lo spirito e l’anima

 

I Benefici del Digiuno
Un programma di sette giorni creato dal guru del digiuno per vivere più sani e più a lungo

Voto medio su 2 recensioni: Sufficiente


 

Il Potere Curativo del Digiuno
La pratica che rigenera corpo e mente

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

 

150 Estratti e Succhi di Frutta e Verdura
Con l’utilizzo terapeutico spiegato dal medico

Voto medio su 4 recensioni: Buono



Maurizio Padrin

Maurizio Padrin

Sono un sostenitore di uno stile di vita sano e di un regime alimentare corretto, della prevenzione e del mantenimento del benessere psico-fisico e della salute attraverso i rimedi che la natura ci mette a disposizione. Effettuo trattamenti individuali o di gruppo con le campane tibetane e mi occupo inoltre di crescita personale. Sono un ricercatore e amo studiare e comprendere i meccanismi di funzionamento della mente umana e di tutte le sue potenzialità ancora sconosciute alla scienza. Inoltre sono specializzato nelle seguenti tecniche di massaggio: cranio sacrale, bioenergetica, massoterapia, fasciale, sportivo/decontratturante, riequilibrio articolare, antistress su lettino e su sedia ergonomica. Sono il fondatore del portale www.DirezioneBenessere.com
Ricevo in provincia di Monza e Brianza.

Tel. 3319668346
email: info@direzionebenessere.com
Maurizio Padrin
Please follow and like us:

Nessun commento

You must be logged in to post a comment.

Ti piace Direzione Benessere? Allora condividilo con chi vuoi... :-) Grazie!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: